PASTA INTEGRALE
CONSIGLI

La pasta integrale

La risposta è: più no che si.

Vediamo di capire quali vantaggi può apportare questo alimento a chi ha intenzione di mettersi a dieta.

 

La pasta integrale è dietetica?

Chiariamo subito un punto chiave: la pasta integrale è calorica quanto la pasta di semola classica (circa 350 Kcal per 100 g). Anche in termini di macronutrienti (quantità di carboidrati, grassi e proteine) non ci sono differenze significative.

Questo alimento non ti sarà quindi di aiuto nel ridurre il tuo apporto calorico giornaliero. Se stai quindi pensando di perdere un po’ di chili sostituendo la pasta classica con la pasta integrale ti consiglio di fare un passo indietro, verificare il tuo apporto calorico giornaliero e confrontarlo con il tuo reale fabbisogno (meglio se con l’aiuto di un dietologo).

Ti starai quindi chiedendo per quale motivo dovresti mangiare pasta integrale, dato che non è meno calorica di quella di semola bianca. Di sicuro non per il gusto, né per la consistenza, e lo sanno tutti coloro che l’hanno provata almeno una volta. Ciò che la differenzia è sostanzialmente:

–> un maggior contenuto di fibre (circa il doppio)

–> un maggior contenuto di vitamine (del gruppo B ed E)

–> un maggior contenuto di sali minerali (principalmente ferro, magnesio e potassio)

–> un indice glicemico più basso

Per concludere, non definirei la pasta integrale un’alimento dietetico, sebbene presenti alcune caratteristiche nutrizionali che la rendono preferibile a quella ” classica” di semola bianca. Se hai intenzione di metterti a dieta e non riesci proprio a rinunciare ad un piatto di spaghetti ti consiglio di provare la pasta di farina di lenticchie, che ha una consistenza paragonabile a quella integrale ma un profilo nutrizionale decisamente migliore (pari a quello delle lenticchie intere).

Se vuoi qualche consiglio pratico su come impostare la tua dieta leggi qui.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *